2204 1015: otto cifre a tutela del Prosecco spumante

Prosecco_bicchieriA partire dal primo Gennaio 2017 anche il Prosecco Spumante avrà il suo codice di nomenclatura combinata, esattamente come l’Asti Spumante, relegando al passato la qualifica di spumante generico. 2204 1015, questo il codice stabilito dalla Commissione Europea che permetterà di tracciare le superfici vitate e le quantità prodotte nelle province autorizzate, gli effettivi paesi destinatari del prodotto, ma soprattutto che rappresenterà una tutela anti contraffazione. Tramite la sequenza numerica sarà possibile individuare quantità anomale o eccedenti e contenere così i casi di frode. Una battaglia, quella del Codice Prosecco combattuta grazie alle sinergie del Consorzio Conegliano Valdobbiadene Docg, Asolo Prosecco Docg, Prosecco Doc che nel 2014 hanno costituito il “Sistema Prosecco, un giro d’affari da 500.000 milioni di bottiglie da salvaguardare a livello nazionale ed internazionale dato il proliferare dei fenomeni dannosi legati anche solo all’utilizzo del termine Prosecco. L’iter per l’ottenimento del codice ha coinvolto principalmente Unindustria Treviso, che ne ha tenuto le fila. «È stata fondamentale la forte relazione che la nostra associazione ha stabilito con l’Agenzia delle Dogane di Roma che partecipa al Comitato Codice Doganale, con la quale abbiamo lavorato in sinergia per oltre due anni per il raggiungimento di questo traguardo» ha spiegato Ivo Nardi, presidente del Gruppo Vinicolo di Unindustria Treviso alla Tribuna di Treviso. «È un esempio virtuoso dei vantaggi di una relazione proficua tra imprese e pubblica amministrazione, che è al centro dell’impegno di Unindustria Treviso per raggiungere obiettivi di interesse per il territorio e il Paese». Coinvolti nel processo anche il Centro Interdipartimentale per la Ricerca in Viticoltura ed Enologia dell’Università di Padova, l’Istat, l’Agenzia delle Dogane, Federdoc, Federvini, Unione Italiana Vini, Efow e Comité Européen des Enterprises Vins.

Profilo autore

Viviana Borriello
Viviana Borriellov.borriello@vinialsupermercato.it

Enoturista per passione, i souvenir dei miei viaggi sono sempre stati bottiglie di vino. Così divento sommelier. Ma si impara di più chiacchierando con i produttori in cantina e presidiando le degustazioni. Se non sono in viaggio, mi trovate a curiosare nella corsia dei vini di qualche supermercato

Commenti

commenti