Alta Langa Docg “BollaCiao” Fontanafredda

3.0 Stars (3,0 / 5) Una Docg che negli ultimi tempi sta incontrando sempre più il gusto dei consumatori. Una bollicina che prima di essere messa in commercio riposa ben trenta mesi sui lieviti, trentasei in caso di Riserva. Si tratta dello spumante metodo classico del Piemonte Alta Langa, Docg dal 2011, che riscuote un interesse notevole nel palcoscenico della grande distribuzione. L’azienda sotto la nostra lente di ingrandimento è italiana, storica e famosa per la spumantistica, soprattutto di Asti Docg: Fontanafredda di Serralunga d’Alba. Il vino “BollaCiao”, nome di fantasia che richiama il celeberrimo canto della Resistenza dei partigiani italiani.

All’esame visivo il “BollaCiao” di Fontanafredda si presenta  giallo vivo quasi oro. La bollicina nel calice è discretamente fine e sale in maniera vivace, con innumerevoli filamenti lungo il bicchiere.

Durante l’analisi olfattiva, al primo impatto percepiamo sentori di frutti esotici e di frutta a pasta bianca. Al secondo impatto arrivano anche note più mature, miele e mandorle ben bilanciate unite ad una leggera crosta di pane e ad una leggerissima nota di tabacco.

Arriviamo all’assaggio dove spicca una buona acidità che ricorda gli agrumi, seguita da una mineralità prevalente. Coerentemente col naso, al gusto, ritorna la mandorla molto pungente, addomesticata da una certa morbidezza tipica dei frutti rossi e data, probabilmente, dal pinot nero, varietà d’uva presente nel blend. “BollaCiao”, con una gradazione del 12% di alcol in volume, va servito a 6-8 gradi. Ideale come aperitivo, ma anche a tutto pasto.

LA VINIFICAZIONE
“BollaCiao” di Fontanafredda è ottenuta dall’assemblaggio di Pinot nero e Chardonnay. La zona di produzione è l’Alta Langa Albese e Astigiana. I vigneti, allevati a guyot, si trovano ad un’ altitudine compresa tra i 400 ed i 600 m s.l.m. con esposizione sud e sud-ovest. I terreni sono costituiti da argille bianche intervallate da strati di sabbie e marne calcaree. La densità dell’impianto è di 4.500 ceppi/ha.

La vendemmia viene effettuata a settembre. L’uva raccolta in cassette da 20 chili circa viene direttamente versata in pressa per una spremitura soffice e delicata. Il mosto ottenuto viene immesso in serbatoi termocondizionati per la decantazione statica, quindi avviato alla fermentazione in serbatoi di acciaio inox a bassa temperatura (18-20° C). Il vino, al termine della fermentazione, viene mantenuto a contatto delle fecce fino in primavera. A questo punto viene realizzata la cuvée unendo i vini dei diversi crus selezionati che garantiscono un vino fresco e fruttato.

In primavera, il vino affronta una seconda fermentazione, quella in bottiglia, seguita da un processo di maturazione sui lieviti, nell’ambiente fresco, buio e protetto delle cantine, in ossequio alle più rigorose regole dello Spumante Metodo Classico. Il periodo di affinamento mai inferiore ai 30 mesi conferisce la giusta complessità aromatica.

Prezzo pieno: 15,80 euro
Acquistato presso: Eataly

Comments

comments