Terminata “Anteprima Amarone 2013”: successo crescente

Si è chiusa oggi la XIV edizione di Anteprima Amarone, manifestazione di punta del Consorzio di Tutela Vini Valpolicella, dedicata all’annata 2013 raccontata da 78 aziende espositrici (dal 28 al 30 gennaio al Palazzo della Gran Guardia a Verona).

Ad aprire virtualmente Anteprima Amarone con un video è stato Maurizio Martina. “La crescita dell’Amarone della Valpolicella oltreconfine è straordinaria – ha sottolineato il ministro dell’agricoltura – e anche la sua performance positiva sul mercato nazionale, tendenza quasi unica nel panorama enologico italiano. Credo dobbiate insistere sul lavoro che avete impostato sul fronte della sostenibilità per qualificare sempre meglio le vostre produzioni” – ha incitato Martina, facendo riferimento al Protocollo Risparmia Riduci Rispetta del Consorzio di Tutela e al marchio RRR che certifica i Vini della Valpolicella.

“Quest’anno abbiamo prolungato l’Anteprima al lunedì per dare l’opportunità agli operatori di degustare i vini e parlare con i produttori con tranquillità. Abbiamo riservato il sabato per la stampa e dedicato la domenica agli appassionati – racconta Olga Bussinello, direttore del Consorzio. Continua ad aumentare il numero delle aziende partecipanti a questa vetrina che offre in degustazione ai visitatori, accanto alla 2013 che entra in commercio, anche annate precedenti selezionate dai produttori. La curiosità verso il Grande Rosso veronese è crescente e la formula permette a chi partecipa di conoscerne le differenti espressioni attraverso il racconto di aziende blasonate, ormai conosciute in tutto il mondo, ma anche di nuove realtà produttive che incuriosiscono con le loro produzioni di nicchia”.

Circa 2.800 le presenze fra operatori, stampa e appassionati. L’evento ha visto la partecipazione di 235 giornalisti con una massiccia presenza estera, (16 i Paesi di provenienza: Australia Austria, Brasile, Canada, Cina, Francia, Germania, Gran Bretagna, Hong Kong, Kazakistan, Olanda, Polonia, Russia, Spagna, Stati Uniti e Svizzera), oltre a delegazioni AIS, FISAR e ONAV.

Preponderante nella giornata di domenica dedicata ai winelover – per un totale di 2.000 ingressi a pagamento –  la presenza di giovani under 30 tra cui molte donne. Per la prima volta la manifestazione è stata prolungata al lunedì per gli  operatori (300 presenze): i produttori si sono detti molto soddisfatti della novità.

L’appuntamento è per il 2018, nell’anno in cui si festeggerà il cinquantesimo anniversario dal riconoscimento della Denominazione di Origine Valpolicella.

Il Consorzio per la Tutela dei Vini Valpolicella
Nato nel 1924 il Consorzio per la Tutela dei Vini Valpolicella è una realtà associativa comprendente viticoltori, vinificatori ed imbottigliatori della zona di produzione dei vini della Valpolicella, un territorio che include 19 comuni della provincia di Verona.

Grazie alla rappresentanza di oltre l’80% dei produttori che utilizzano la denominazione «Valpolicella», il Consorzio realizza iniziative che valorizzano l’intero territorio: il vino e la sua terra d’origine, intendendo con questa anche la storia, le tradizioni e le peculiarità che la rendono unica al mondo.

Il Consorzio annovera importanti ruoli istituzionali: si occupa della promozione, valorizzazione, informazione dei vini e del territorio della Valpolicella, della tutela del marchio e della viticoltura nella zona di produzione dei vini Valpolicella, della vigilanza, salvaguardia e difesa della denominazione.

Comments

comments