Birra Artigianale Saison Cazeau

La Saison Cazeau è una birra belga, prodotta secondo lo stile Saison, originario del Belgio, ma oggi diffuso in varie parti del mondo.

LA DEGUSTAZIONE
Di colore dorato chiaro ed opalescente nel calice la schiuma è presente ed è discretamente persistente.

Al naso, appena versata, si mostra subito con una prorompente nota floreale intensa che però tende a sparire nel breve tempo.

In bocca la sensazione floreale è coperta da sensazioni agrumate acerbe che intensificano un amaricante persistente. Con una carbonazione non spinta, ma adeguata si lascia bere in scioltezza complice una gradazione modesta (5% di alcol in volume) ed un corpo davvero esile. Sufficientemente equilibrata, nel complesso risulta apprezzabile, ma non eccelsa.

Per la Saison Cazeau  sono stati utilizzati tre luppoli, Norther Brewer, Fuggles e Sterling combinati all’aroma di fiori di sambuco. 32 ebu il grado di amarezza.

IL  BIRRIFICIO
La storia del birrificio Cazeau parte nel lontano 1753 a Templeuve, in Vallonia. Tra passaggi di mano a figli e nipoti la svolta avviene nel 1892 sotto la guida di Arthur e Charles Agache che avviano un vero e proprio sviluppo commerciale. Con la prima guerra mondiale arriva una battuta di arresto e il birrificio diventa addirittura un deposito di armi tedesco.

Dopo aver ripreso l’attività, il birrificio nel 1969 si converte ad attività di mera distribuzione ed è solo nel 2004 che  Laurent Agache erede della famiglia decide di far ripartire la brasserie lanciando, il 1 maggio dello stesso anno, “Tournay Blonde”.

La Saison, prodotta dal 2008 è la penultima nata in casa Cazeau che produce, ad oggi, una gamma di 5 birre artigianali.

Profilo autore

Viviana Borriello
Viviana Borriellov.borriello@vinialsupermercato.it
Enoturista per passione, i souvenir dei miei viaggi sono sempre stati bottiglie di vino. Così divento sommelier. Ma si impara di più chiacchierando con i produttori in cantina che presidiando le degustazioni tecniche. Se non sono in viaggio, mi trovate a curiosare nella corsia dei vini di qualche supermercato

Commenti

commenti