Bollicine sulla città: al via a Trento la kermesse del Trentodoc

Domani, venerdì 23 novembre, alle 18.30 si aprirà il sipario su uno degli eventi più attesi dagli appassionati del mondo del vino: “Trentodoc: bollicine sulla città”, la manifestazione di Palazzo Roccabruna dedicata al metodo classico trentino, giunta ormai alla XIV edizione.

Quaranta saranno le case spumantistiche presenti alla kermesse, oltre 60 le etichette in degustazione, 12 i giorni di apertura dell’evento (da giovedì a domenica fino al 9 dicembre). Anche quest’anno il programma intreccerà degustazioni, laboratori del gusto, menù a tema per mettere a disposizione degli ospiti una proposta in grado di soddisfare anche i gusti più esigenti.

Si partirà con un ciclo di laboratori che ogni venerdì sera dalle 20 alle 22 fino al 7 dicembre metterà in risalto il ruolo del tempo nella spumantizzazione classica. “Le grandi riserve del Trentodoc: bollicine rare” vuol essere un’occasione per degustare alcune bottiglie non più in commercio, conservate nella cantina storica di Palazzo Roccabruna in condizioni ideali di luce, rumore ed umidità ed affinate dagli anni.

Ogni giovedì ed ogni sabato fino all’8 dicembre, dalle 19 alle 22, uno chef trentino si cimenterà ai fuochi della cucina dell’Enoteca per abbinare un menù di montagna alle bollicine del Trentodoc: “Il piatto dello chef. Cucina e bollicine di montagna” sarà un doppio appuntamento settimanale che valorizzerà il patrimonio gastronomico della cucina delle nostre valli.

Non mancherà la possibilità di accostarsi al Trentodoc in autonomia, comodamente seduti ai tavoli del Palazzo. Dal giovedì al venerdì con orario 17-22, il sabato con orario 11-22 e la domenica con orario 11-19, la collezione 2018 del Trentodoc sarà disponibile per degustazioni al calice, magari approfittando dei consigli degli esperti di prodotto o dei sommelier presenti in sala. Gli ospiti potranno scegliere fra riserve, millesimati, brut, extra brut, rosé, pas dosé, demi sec, blanc de noir in una molteplicità di declinazioni che solo la ricchezza e la varietà di un territorio particolarmente vocato rendono possibile con la complicità di tecniche colturali rispettose dell’ambiente e di una cura maniacale per la qualità delle uve e per la perfezione del metodo produttivo.

Dall’Enoteca provinciale la manifestazione si irradierà per le vie della città grazie alla collaborazione con la Strada del Vino e dei Sapori del Trentino che cura “Happy Trentodoc”, una formula di successo per rendere più gratificante l’aperitivo, arricchendolo di prodotti di qualità a km zero. Ben tredici locali della città, fra bar e ristoranti, accoglieranno altrettanti produttori per abbinare le bollicine di montagna alle specialità della nostra gastronomia.

Grazie alla partnership con l’Apt di Trento si potrà anche approfittare di un esclusivo pacchetto vacanza “Trentodoc da degustare, Muse da esplorare” che include l’ingresso al Museo delle scienze, la visita al centro storico, ai mercatini di Natale, la visita al Castello del Buonconsiglio, assaggi e menù con le bollicine di montagna.

«Trentodoc: Bollicine sulla città» è una manifestazione organizzata dalla Camera di Commercio I.A.A. di Trento in collaborazione con il Consorzio vini del Trentino, l’Istituto Trento Doc, la Strada del vino e dei sapori del Trentino con la partecipazione di APT di Trento, Monte Bondone e Valle dei Laghi e con il supporto della Provincia autonoma di Trento.

Profilo autore

Redazione
Redazioneredazione@vinialsupermercato.it
Testata giornalistica registrata in Tribunale dal 18 luglio 2017, vinialsupermercato.it nasce come wine blog a metà del 2015. Oggi è una delle realtà più giovani e dinamiche dell'informazione enologica in Italia.

Prende spunto da un'idea dell'ex cronista freelance milanese Davide Bortone e raccoglie oggi diversi collaboratori in Italia. Il portale si propone di raccontare le etichette presenti sugli scaffali della Grande distribuzione, consigliando ai lettori le migliori, soprattutto in un'ottica qualità prezzo. I vini, infatti, vengono valutati da 1 a 5 "cestelli della spesa".

Ma si va oltre, con un'ampia e aggiornatissima sezione di news e inchieste sul mondo del vino italiano, una rubrica sui distillati, una di cucina e una sezione dedicata ai wine tour: i territori del vino da scoprire, anche fuori dai confini italiani. Fondamentale per la testata è il racconto di eventi e manifestazioni enologiche di nicchia, che vanno ben oltre le etichette di vino reperibili al supermercato.

L'obiettivo di #vinialsuper è quello di fornire una panoramica completa del vino italiano ai clienti abituali della Grande distribuzione. Stuzzicando al contempo i buyer delle insegne a un continuo rinnovamento e innalzamento qualitativo dell'assortimento proposto a scaffale. Alzare l'asticella, insomma: da una parte e dall'altra dello scontrino.

Commenti

commenti