CERVIM: Viticoltura eroica sempre più sinonimo di biodiversità e sentinella dell’ambiente

Di viticoltura eroica e biodiversità, attraverso la missione del Cervim per la tutela e la promozione dei territori estremi, si è parlato al Wine2Wine, che si è svolto a Veronafiere, a ‘casa’ Vinitaly.

Con un Cervim sempre più protagonista delle dinamiche della viticoltura, dal momento che sempre di più fare vini eroici è un fenomeno internazionale e che questi sono sinonimo di biodiversità, come è stato ribadito durante l’appuntamento veronese.

«Wine2wine – ha sottolineato Stefano Celi, del cda del Cervimsi conferma sempre di più un importante momento di confronto e di studio sulle varie tematiche che interessano l’enologia e la viticoltura italiana ed internazionale. Aver potuto tenere una sessione per presentare il lavoro del Cervim e le caratteristiche della viticoltura eroica è stato ottima vetrina, ed il numeroso pubblico presente ci dimostra ancora una volta quanto il tema delle viticoltura estreme sia più che mai attuale e di interesse specialmente per la salvaguardia del territorio e la tutela di queste zone molto delicate».

Un approfondimento sul forte ambientamento che i vigneti delle viticolture eroiche hanno, sia per il clima che per il suolo: ne ha parlato Diego Tomasi, presidente Comitato Tecnico Scientifico del Cervim: «Un fenomeno che stiamo studiando con particolare attenzione – ha dettoper dimostrare quanto un vigneto in condizioni più difficili si proponga in termini di ambientamento in modo molto più approfondito ed accurato rispetto ad altre viticolture».

Se queste viticolture presentano molti aspetti positivi (paesaggio, biodiversità e l’elevata qualità dei vini), «soffrono però – ha continuato Tomasidi una fragilità legata al cambiamento climatico e soffrono in alcuni contesti della concorrenza del vivere urbano».

Profilo autore

Redazione
Redazioneredazione@vinialsupermercato.it
Testata giornalistica registrata in Tribunale dal 18 luglio 2017, vinialsupermercato.it nasce come wine blog a metà del 2015. Oggi è una delle realtà più giovani e dinamiche dell'informazione enologica in Italia.

Prende spunto da un'idea dell'ex cronista freelance milanese Davide Bortone e raccoglie oggi diversi collaboratori in Italia. Il portale si propone di raccontare le etichette presenti sugli scaffali della Grande distribuzione, consigliando ai lettori le migliori, soprattutto in un'ottica qualità prezzo. I vini, infatti, vengono valutati da 1 a 5 "cestelli della spesa".

Ma si va oltre, con un'ampia e aggiornatissima sezione di news e inchieste sul mondo del vino italiano, una rubrica sui distillati, una di cucina e una sezione dedicata ai wine tour: i territori del vino da scoprire, anche fuori dai confini italiani. Fondamentale per la testata è il racconto di eventi e manifestazioni enologiche di nicchia, che vanno ben oltre le etichette di vino reperibili al supermercato.

L'obiettivo di #vinialsuper è quello di fornire una panoramica completa del vino italiano ai clienti abituali della Grande distribuzione. Stuzzicando al contempo i buyer delle insegne a un continuo rinnovamento e innalzamento qualitativo dell'assortimento proposto a scaffale. Alzare l'asticella, insomma: da una parte e dall'altra dello scontrino.

Commenti

commenti