Durello and Friends al giro di boa: grande degustazione a Vicenza

VICENZA – Dal 27 al 28 ottobre torna Durello and Friends, la manifestazione dedicata alla denominazione spumantistica berico scaligera. Lo fa a Vicenza, in Villa Bonin che per l’occasione si trasformerà nel palcoscenico delle 30 aziende che con le loro bollicine autoctone stanno conquistando il mondo.

Nei due giorni di apertura al pubblico, dalle ore 17 alle ore 23, si alterneranno degustazioni e show cooking. L’ingresso di 15 euro è acquistabile su www.musement.com, oppure direttamente alle casse nei giorni dell’evento.

Il Lessini Durello, che l’anno scorso ha compiuto 30 anni di denominazione, ha avuto negli ultimi 5 anni una crescita importante, supportata dalla crescente passione per le bollicine, soprattutto del pubblico più giovane.

Una Denominazione al giro di boa, con la prossima modifica del disciplinare di produzione che vedrà il Lessini Durello unicamente come spumante Charmat o Metodo Martinotti (lo stesso del Prosecco). La dicitura Monti Lessini indicherà unicamente il Metodo classico, che prevede una seconda fermentazione in bottiglia (come lo Champagne).

Quattrocento ettari di Durella e più di un milione di bottiglie: questi i numeri della Doc. Grande è l’interesse del pubblico italiano e straniero, che sta imparando a conoscere questo spumante caratterizzato da freschezza e mineralità, espressioni dei suoli vulcanici dai quali viene prodotto.

Profilo autore

Redazione
Redazioneredazione@vinialsupermercato.it
Testata giornalistica registrata in Tribunale dal 18 luglio 2017, vinialsupermercato.it nasce come wine blog a metà del 2015. Oggi è una delle realtà più giovani e dinamiche dell'informazione enologica in Italia.

Prende spunto da un'idea dell'ex cronista freelance milanese Davide Bortone e raccoglie oggi diversi collaboratori in Italia. Il portale si propone di raccontare le etichette presenti sugli scaffali della Grande distribuzione, consigliando ai lettori le migliori, soprattutto in un'ottica qualità prezzo. I vini, infatti, vengono valutati da 1 a 5 "cestelli della spesa".

Ma si va oltre, con un'ampia e aggiornatissima sezione di news e inchieste sul mondo del vino italiano, una rubrica sui distillati, una di cucina e una sezione dedicata ai wine tour: i territori del vino da scoprire, anche fuori dai confini italiani. Fondamentale per la testata è il racconto di eventi e manifestazioni enologiche di nicchia, che vanno ben oltre le etichette di vino reperibili al supermercato.

L'obiettivo di #vinialsuper è quello di fornire una panoramica completa del vino italiano ai clienti abituali della Grande distribuzione. Stuzzicando al contempo i buyer delle insegne a un continuo rinnovamento e innalzamento qualitativo dell'assortimento proposto a scaffale. Alzare l'asticella, insomma: da una parte e dall'altra dello scontrino.

Commenti

commenti