Lavoro in nero: sospesa attività vinicola nel Beneventano

TORRECUSO – Un’attività vinicola del Comune di Torrecuso, in provincia di Benevento, è stata sospesa per la presenza di alcuni lavoratori in nero. Si tratta di un imbottigliatore, con un giro d’affari medio-piccolo.

L’operazione è stata condotta nei giorni scorsi dal Reparto Carabinieri Tutela Agroalimentare di Salerno, in collaborazione con l’Ispettorato del Lavoro beneventano e gli agenti dell’Icqrf.

Al momento del blitz, all’interno della ditta si trovavano 7 dipendenti. Due di loro sono risultati sprovvisti di regolare contratto di lavoro. L’attività di imbottigliamento di vino è stata sospesa e sono state elevate sanzioni per un totale di 6 mila euro.

L’attività dei R.A.C. (Reparti Carabinieri Tutela Agroalimentare), finalizzata al contrasto delle illegalità diffuse nel comparto agroalimentare, continua su tutto il territorio nazionale. L’operazione a carico dell’imbottigliatore di vino di Torrecuso è solo una delle ultime compiute nelle ultime settimane.

Il bilancio parla chiaro. Oltre 60 attività controllate fra aziende agricole, vinicole, esercizi commerciali, pastifici, mulini, salumifici, prosciuttifici, caseifici e venditori ambulanti. Complessivamente sono state contestate sanzioni amministrative per oltre 75 mila euro.

Nel corso del 2018, l’attività preventiva del Comando Carabinieri per la Tutela Agroalimentare a garanzia della sicurezza nelle filiere agroalimentari, dalla materia prima al prodotto finito, ha portato sinora al sequestro di oltre 374 tonnellate di prodotti agroalimentari e a sanzioni per oltre 775 mila euro.

Profilo autore

Davide Bortone
Davide Bortoned.bortone@vinialsupermercato.it
Nato con la penna in mano, poi c'è finito pure un calice. Cronista di nera convertito al nettare di Bacco, oggi dirigo #vinialsuper. Segno Vergine allergico alle ingiustizie, innamorato delle "cause perse", vivo l'Informazione come una missione di vita. E anche per questo ci bevo su!

Commenti

commenti