Merlot del Veneto Igt 2009 Terre di San Rocco

Vinialsuper quest’oggi Vi porta a nord est, dove il sole sorge in primavera estate. Siamo nella regione dei grandi numeri del vino, quella che rappresenta da sola il 36% dell’export nazionale: il Veneto. Sotto la lente di ingrandimento un vino interessante: il Merlot del Veneto Igt annata 2009 del produttore Terre di San Rocco, azienda in forte espansione nel territorio di San Vendemiano in provincia di Treviso. La denominazione Veneto Igt (acronimo di indicazione geografica tipica)  è una delle più vaste in Italia e comprende una serie di bianchi e rossi prodotti sia in versione ferma che frizzante sia in versione passito. Ma passiamo subito alla recensione di questo rosso.
LA DEGUSTAZIONE
All’analisi visiva, il Merlot del Veneto Igt 2009 Terre di San Rocco si presenta di un rosso rubino scuro con un unghia nel calice brillante e viva. Ottima la scorrevolezza e la tendenza ad archi stretti. Al naso, sentori di fichi cotti al forno ben si legano alla balsamicità dell’eucalipto ed ad un bouquet floreale di petunie e ribes. Al palato il gusto è molto deciso. Un tannino pulito e molto suadente va a sfociare in un bellissimo peperone verde che conferisce freschezza alla beva che mai si stanca nel continuo ricercare note di piccoli frutti rossi e una delicatissima confettura di more.
Il Merlot del Veneto Igt 2009 ha una gradazione di 13,5%. S accosta alla pasta e fagioli alla veneta o all’arrosto d’oca, ma si fa apprezzarea anche al cospetto di un bel taglio di fiorentina.
LA VINIFICAZIONE
Il Merlot del Veneto Igt 2009 Terre di San Rocco è prodotto con uve 100% Merlot allevate secondo il metodo GDC.  La produzione di questo vino si concentra tutta in 4800 ceppi per ettaro con una resa di 1-1,2 kg per ceppo. Sui terreni non viene effettuata alcuna concimazione e la vendemmia è rigorosamente manuale. L’uva, accuratamente selezionata viene diraspata e pigiata per poi fermentare in recipienti troncoconici d’acciaio con macerazione lunga di 16/18 giorni. Successivamente riposa per 16/18 mesi in vasche di acciaio inox.
Terre di San Rocco nasce quasi all’alba del nuovo millennio, nel 1999 anno in cui furono impiantate le prime barbatelle. I terreni di proprietà si trovano in quello che veniva chiamato ”Borgo di San Rocco” per i ritrovamenti in una vecchia casa colonica, di un affresco di San Rocco con il cane che lo accudì durante la malattia nutrendolo del pane che prendeva dalla tavola del suo padrone per portarlo al rifugio del Santo. Quel cane, simbolo di fedeltà e dedizione, è diventato il simbolo dell’azienda.

 

Commenti

commenti