Metodo Classico Trento Doc Brut Pentagono, Aldi – Provinco Italia

(1 / 5) Per noi è no. Senza se e senza ma. Bocciatura assoluta per il Metodo Classico Trento Doc Brut Pentagono in vendita nei supermercati Aldi, a firma dell’imbottigliatore Provinco Italia.

Si tratta infatti del peggiore assaggio della degustazione che, ad aprile, ha visto protagonisti i vini della multinazionale tedesca ALbrecht DIscount (abbreviato Aldi), di recente sbarcata nel nostro Paese.

LA DEGUSTAZIONE
Davvero poca tipicità per un Metodo Classico che dovrebbe rappresentare una delle culle della spumantizzazione in Italia, ovvero l’area di Trento. Perlage non esattamente “fine”, naso debole, palato anonimo. Tutto qui, si fa per dire.

Tra l’altro a un prezzo pieno sconcertante, assimilabile (e anche qui occorre fare uno sforzo) a quello di Charmat come il Prosecco, in promozione. Spumanti, dunque, che necessitano un periodo più breve di “preparazione”, prima dell’immissione in commercio.

Considerazioni, le nostre, che cozzano con quelle del “guru” Luca Maroni, che (da consulente di Aldi, of course) valuta 90 punti questo spumante Metodo classico Trento Doc.

“Un gran vino spumante, eccellente in morbidezza e suadenza di sapore, enologicamente limpido nell’esecuzione come raramente è dato apprezzare. Frutto e florealità di gran purezza nella sua briosa espressione”, per Maroni. Sicuramente ci sbagliamo noi.

E invece non sbaglia Aldi, che in un inatteso slancio di sincerità e self control – sputtanando tra l’altro lo stesso Maroni – descrive “Pentagono” quale semplice “vino bianco frizzante“: sintesi perfetta per un vino che offende gli Champenoise, dentro e fuori dalla Grande distribuzione organizzata.

Prezzo: 6,99 euro
Acquistato presso: Aldi Italia

Profilo autore

Davide Bortone
Davide Bortoned.bortone@vinialsupermercato.it
Nato con la penna in mano, poi c'è finito pure un calice. Cronista di nera convertito al nettare di Bacco, oggi dirigo #vinialsuper. Segno Vergine, difensore degli oppressi, patrono delle "cause perse", vivo l'informazione come una missione di vita. Da svolgere senza peli sulla lingua. E anche per questo ci bevo su

Commenti

commenti