Milano Bottiglie Aperte 2017 fa il botto: 4 mila operatori in due giorni

Tempo di bilanci per Milano Bottiglie Aperte. L’edizione 2017, appena conclusa, si è dimostrata la più forte e più ricca di sempre. Raggiungendo risultati superiori alle aspettative: oltre 4 mila presenze in soli due giorni, di cui 85% sono operatori horeca, agenti e giornalisti.

Un balzo in avanti strepitoso, rispetto all’anno precedente. Nel 2016, Bottiglie Aperte aveva segnato un mutamento importante, evolvendosi da kermesse del vino a tutto tondo a manifestazione maggiormente dedicata all’Horeca, impegnata a mettere in contatto produttori, operatori e giornalisti. L'”anno zero” di un format nuovo, che ha trovato quest’anno piena consacrazione.

A fianco di Federico Gordini, ideatore della manifestazione e fondatore di Milano Food Week, numerosi volti del vino italiano hanno guidato le masterclass, animato i convegni, si sono confrontati con pubblico e produttori. Tra i presenti: Cristiana Lauro, Adua Villa, Ernesto Abbona, Daniele Cernilli, Renzo e Riccardo Cotarella, Luca D’Attoma, Andrea Grignaffini, Luciano Ferraro, Giampaolo Gravina, Alessandro Rossi, Orazio Vagnozzi, Bruno Vespa, Riccardo Silla Viscardi.

“Al centro di Bottiglie Aperte – evidenziano gli organizzatori – c’è l’attenzione verso il produttore e l’operatore Horeca. Chi sceglie di partecipare a Bottiglie Aperte sa di essere in un contesto unico e privilegiato dove fare rete, scoprire novità nazionali e tendenze internazionali, incontrare clienti, informarsi… e godersi il proprio lavoro!”. Addetti ai lavori, dunque. Ma non solo. Tra i 4 mila intervenuti anche numerosi winelovers, molti dei quali di età compresa fra i 30 e i 40 anni.

I COMMENTI
“Archiviamo con grande soddisfazione questa sesta edizione di Milano Bottiglie Aperte – dichiara Federico Gordini -. Sono stati due giorni intensi, emozionanti e produttivi che hanno dimostrato al mondo la forza di questo progetto e la validità delle scelte, anche difficili, che abbiamo fatto con una visione di lungo periodo”.

“Abbiamo creato basi solide per costruire un grande evento dedicato al business e alla comunicazione del vino a Milano. Nel 2018 Bottiglie Aperte tornerà il 7 e 8 ottobre ancora più forte e ricca di contenuti. La nostra macchina organizzativa si è già rimessa in moto per coinvolgere e unire il mondo del vino in un unico, grande, brindisi milanese”.

GLI AWARDS
Gli Awards fanno parte della storia di Bottiglie Aperte dalla terza edizione. L’obiettivo è raccontare il meglio dell’Italia che comunica e valorizza il vino.

Ideati da Federico Gordini, hanno premiato negli anni le aziende e ristoranti che più innovano in comunicazione, marketing, packaging, ricchezza della proposta e storytelling del prodotto.

Due i premi. I “Wine List Awards” premiano la migliore carta vini, con un occhio attento non solo a prezzi e varietà, ma anche ad originalità ed estetica.

Premiano il mondo italiano della ristorazione suddiviso in 6 categorie, dal wine bar al ristorante stellato. I “Wine Style Awards” vengono assegnati alle aziende per la Migliore Presenza Fieristica, la Miglior Comunicazione Social, il Miglior Sito Web, il Miglior Packaging e il Miglior evento aziendale. Ecco i premiati:

Migliore Carta Vini Ristoranti di Carne: Pont de Ferr Milano
Migliore Carta Vini Ristoranti di Pesce: Al Porto Milano
Migliore Carta Vini Ristoranti di Pesce: Il Pagliacco Roma
Migliore Carta Vini Ristoranti Etnici: Gong – Milano
Migliore Carta Vini Enotavole: Donizetti Enoteca Wine Bar – Bergamo
Migliore Carta Vini Ristoranti d’Albergo: Terrazza Hotel Gallia, Milano
Migliore Carta Vini Cucine Stellate: Ristorante Del Cambio – Torino

I premi Wine Style Awards
Miglior Sito Web : Tenuta I Fauri
Miglior Comunicazione Social: Nino Franco
Miglior Packaging: Feudi del Pisciotto
Miglior allestimento Fieristico Lunae Bosoni
Miglior evento in azienda La Cantina degli Chef – Prime Alture
Miglior evento in cantina : Estate Calda – Caciare Freddo – Enio Ottaviani
Migliore Evento in azienda : Roberto Lecchiancole (nella foto sopra), Prime Alture – Casteggio

Il Wine Style Award alla Carriera è stato conferito a Caterina de Renzis Sonnino, per il suo contributo unico all’evoluzione del packaging e la narrazione estetica del vino italiano.

Grande novità di Bottiglie Aperte 2017 è “Wine Innovation Award”, il premio dedicato alle StartUp del vino. Attraverso un bando pubblico, Geodetica Italian Stars in collaborazione con Aliante Businnes Solution ha decretato due vincitori: la distribuzione e lo storytelling di Viniamo, a cui è andata la somma di 3.000€, e Querox e alla sua innovativa idea di costruire barrique non tonde ma a forma di parallelepipedo mantenendo le stesse proporzioni vino/legno della botte, a cui è andato in premio una consulenza gratuita per far crescere questa StartUp.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Profilo autore

Redazione
Redazioneredazione@vinialsupermercato.it
Testata giornalistica registrata in Tribunale dal 18 luglio 2017, vinialsupermercato.it nasce come wine blog a metà del 2015. Oggi è una delle realtà più giovani e dinamiche dell'informazione enologica in Italia.

Prende spunto da un'idea dell'ex cronista freelance milanese Davide Bortone e raccoglie oggi diversi collaboratori in Italia. Il portale si propone di raccontare le etichette presenti sugli scaffali della Grande distribuzione, consigliando ai lettori le migliori, soprattutto in un'ottica qualità prezzo. I vini, infatti, vengono valutati da 1 a 5 "cestelli della spesa".

Ma si va oltre, con un'ampia e aggiornatissima sezione di news e inchieste sul mondo del vino italiano, una rubrica sui distillati, una di cucina e una sezione dedicata ai wine tour: i territori del vino da scoprire, anche fuori dai confini italiani. Fondamentale per la testata è il racconto di eventi e manifestazioni enologiche di nicchia, che vanno ben oltre le etichette di vino reperibili al supermercato.

L'obiettivo di #vinialsuper è quello di fornire una panoramica completa del vino italiano ai clienti abituali della Grande distribuzione. Stuzzicando al contempo i buyer delle insegne a un continuo rinnovamento e innalzamento qualitativo dell'assortimento proposto a scaffale. Alzare l'asticella, insomma: da una parte e dall'altra dello scontrino.

Commenti

commenti