Montepulciano d’Abruzzo Doc 2015 Val di Fara, Spinelli

(3 / 5) Il Montepulciano d’Abruzzo Doc  di cui Vi parliamo oggi si è aggiudicato il premio speciale “Denominazione di Origine 2015”  Selezione di Famiglia” 2013 al concorso enologico internazionale Vinitaly.

Il premio viene assegnato al vino di ogni denominazione di origine italiana che consegue il miglior punteggio oltre la soglia minima di 82/100. Parliamo del Montepulciano d’Abruzzo Doc, Val di Fara, prodotto dalla Cantina Spinelli.

Un prodotto con un ottimo rapporto qualità prezzo che nella sua assoluta semplicità può accompagnare la tavola di tutti i giorni.

LA DEGUSTAZIONE
Di colore rubino carico, poco trasparente con una discreta struttura, al naso si presenta schietto e fine.  La complessità aromatica è sottile con prevalenza di sentori di amarena, ribes, lampone e note floreali di violetta. Al palato è caldo, con un frutto avvolgente. Più che pronto, maturo. Il tannino è giusto, l’acidità fresca sostiene il sorso nonostante la gradazione alcolica  (13%).

Il finale è sufficientemente persistente e con retrogusto leggermente amarognolo. Il Montepulciano d’Abruzzo Doc Val di Fara, fa il suo lavoro: da mettere nel carrello ad occhi chiusi, con gesto quasi meccanico se l’obiettivo è accompagnare il pasto in modo gradevole spendendo il giusto: ergo minima spesa, massima resa.

Il Montepulciano d’Abruzzo Doc 2015 Val di Fara, va servito ad una temperatura di 16 gradi. In tavola si presta a diversi abbinamenti, dal semplice piatto di maccheroni alla zuppa di legumi, al secondo di carne ai ferri o al forno.

Primo rosso della Cantina Spinelli a finire sotto la nostra lente di ingrandimento,  in archivio un bianco, il Pecorino Terre di Chieti Igt,  altrettanto semplice, chiavi in mano.

LA VINIFICAZIONE
Prodotto con uve 100% Montepulciano d’Abruzzo la cui area di produzione si trova nel cuore della provincia di Chieti tra il massiccio della Maiella e il mare Adriatico. I vigneti si trovano su terreni collinari ad un’altezza media attorno ai 250 metri s.l.m., per la maggior parte argillosi-calcarei. La vinificazione è tradizionale in rosso, con macerazione delle bucce a temperatura controllata e affinamento in acciaio inox.

La messa in commercio avviene a partire dal marzo successivo la vendemmia. La cantina Spinelli nasce intorno agli anni 70 con l’obiettivo di produrre bene un prodotto popolare come il vino. Dagli anni novanta è via via diventata un’azienda dai grandi numeri. Circa 3,5 milioni di bottiglie di cui il 70% destinato al consumo estero.

Prezzo: 3,99 euro
Acquistato presso: Carrefour

Profilo autore

Viviana Borriello
Viviana Borriellov.borriello@vinialsupermercato.it

Enoturista per passione, i souvenir dei miei viaggi sono sempre stati bottiglie di vino. Così divento sommelier. Ma si impara di più chiacchierando con i produttori in cantina e presidiando le degustazioni. Se non sono in viaggio, mi trovate a curiosare nella corsia dei vini di qualche supermercato

Commenti

commenti