Prosciutto al Prosecco, scatta il sequestro a Bolzano

BOLZANO – Quasi 5 mila etichette adesive riportanti la dicitura “Prosciutto al Prosecco“. Le hanno sequestrate i Carabinieri del nucleo Tutela agroalimentare in un esercizio commerciale di Bolzano.

L’operazione è avvenuta nelle scorse ore. Fingendosi clienti, i militari hanno accertato la commercializzazione di “Prosciutto al Prosecco” all’interno di un negozio del capoluogo altoatesino.

Un chiaro esempio di “falso”, senza la preventiva autorizzazione del Consorzio di Tutela del Prosecco. Per questo motivo sono state sequestrate, per l’esattezza, 4.854 etichette adesive riportanti la dicitura. Al titolare sono state contestati illeciti amministrativi per 9 mila euro.

Oltre al Prosciutto recante il nome della Denominazione veneta, nell’esercizio commerciale veniva venduto “Prosciutto di Parma”, “Coppa di Parma” e “Salame di Parma” tarocco, per un totale di 1.751 pezzi. A riprova dell’illecito, la presenza di 11.434 etichette adesive da apporre su salumi provenienti da altre zone.

Profilo autore

Davide Bortone
Davide Bortoned.bortone@vinialsupermercato.it
Nato con la penna in mano, poi c'è finito pure un calice. Cronista di nera convertito al nettare di Bacco, oggi dirigo #vinialsuper. Segno Vergine allergico alle ingiustizie, innamorato delle "cause perse", vivo l'informazione come una missione di vita. E anche per questo ci bevo su

Commenti

commenti