“Quel bastardo del distributore”

Chi lo avrebbe mai detto? Vini “industriali” e “vini naturali” hanno un unico comune denominatore. Quel bastardo chiamato “distributore”. Fermi tutti, mettete giù il telefono con il numero dell’avvocato già cercato in rubrica. Adesso vi spieghiamo tutto.

Una delle costanti di vinialsuper, da quando (follemente) ha visto la luce, un paio d’anni fa, sono le email e le telefonate da parte di produttori (in genere medio-piccoli) preoccupati per aver visto recensito un loro prodotto nella nostra sezione “Recensioni vini al Supermercato”.

“Le giuro che non ne so niente, sono un piccolo produttore, noi non facciamo Gdo!”. “Mi creda: dev’essere stato il distributore di Milano, io non ho rapporti diretti con la distribuzione organizzata!”. “Guardi, non so come sia finito il mio vino sugli scaffali di Conad: sarà stato il distributore, io non so nulla”. Telefonate – o email – alle quali noi di vinialsuper siamo ormai (noiosamente) abituati.

E ci saremmo tenuti per noi la noia. Volentieri. Giuriamo (va di moda)! Se non fosse che pure “La Terra Trema”, in questi giorni, tratta lo stesso argomento. Prendendo le parti, in questo caso, di tanti piccoli produttori “strozzati” dai distributori.

“Bisogna affrontare e riaprire un ragionamento serio intorno al nodo della distribuzione”, scrive la redazione di La Terra Trema. Perché “ha per noi un valore strategico, etico, economico e sociale di pari importanza a ‘come si produce’. La distribuzione di un vino ci interessa tanto quanto le sue qualità organolettiche”.

Chiarito ciò, ecco il dunque. “Ultimamente – racconta La Terra Trema – ci è stato raccontato di vignaioli in ostaggio del distributore, dei distributori.
 Storie preoccupanti per il futuro delle aziende di questi vignaioli, del processo di cambiamento e della gioia del vino dei vignaioli. 
Vignaioli che non possono vendere le proprie bottiglie di vino perché l’esclusiva è nelle mani del distributore”.

“Durante le fiere, contattati telefonicamente, via mail o addirittura in cantina.
 ‘Sei di Milano? Vuoi il mio vino? Io non posso vendertelo, contatta il mio distributore su Milano. Ecco il biglietto da visita del mio distributore’. Pazzesco! Pazzesco tanto quanto usare dosi massicce di solforosa, lieviti e additivi in cantina e la chimica abbondante in campagna!”.

La Terra Trema ha chiare quali siano le cause di questo fenomeno: “Sappiamo bene quali sono i motivi che hanno portato i vignaioli a intraprendere queste strade. 
Ma siamo convinti che siano strade pericolose e controproducenti per tutti.
 Questo non è un problema solo nostro. 
Ma è un problema di libertà di tutti. Per primo del vignaiolo, anche se è convinto di valorizzare il proprio prodotto e di ottenere più profitto. 
Il suo vino non è più suo, ma è del distributore”.

“E’ un problema – continua lo staff di La Terra Trema – che produrrà dispositivi simili a quelli della Grande Distribuzione Organizzata.
 Un problema su cui vale la pena aprire discussione e un problema da superare.
 Diversamente, a nostro avviso, se questo dispositivo distributivo prenderà piede, torneremo indietro di 10 anni e molti piccoli vignaioli autentici passeranno dall’illusione del successo al rischio di non farcela più. Noi continueremo a supportare dei rapporti liberi e non monopolistici.
 Per una distribuzione dei prodotti della terra e del cibo diffusa e autogestita”.

E allora largo a nuove formule sostenibili di distribuzione. Ce le auspichiamo pure noi. Formule che rispettino i vari passaggi della filiera, tutelando gli interessi delle famiglie dei produttori, quanto quelle degli imprenditori.

Consapevoli, però – come lo era nel 1500 il pittore olandese Pieter Bruegel “il Vecchio” – che il pesce grosso ha sempre la pancia piena di pesci più piccoli di lui. Fino a prova contraria.

Profilo autore

Davide Bortone
Davide Bortoned.bortone@vinialsupermercato.it
Nato con la penna in mano, poi c'è finito pure un calice. Cronista di nera convertito al nettare di Bacco, oggi dirigo #vinialsuper. Segno Vergine allergico alle ingiustizie, innamorato delle "cause perse", vivo l'informazione come una missione di vita. E anche per questo ci bevo su

Commenti

commenti