Tommasi investe nel Chianti Classico con Fattoria La Massa


PANZANO IN CHIANTI – Tommasi Family Estate investe nel Chianti Classico. Nei giorni scorsi la famiglia veneta ha siglato un accordo di partnership con Fattoria La Massa di Panzano in Chianti. I Tommasi diventano così comproprietari della tenuta con Giampaolo Motta e Ermen Minari, imprenditore del campo della logistica automatizzata.

Qualche numero per comprendere l’entità dell’investimento: oggi La Massa produce 140 mila bottiglie complessive all’anno, con un fatturato di circa 1,3 milioni di euro e un posizionamento medio alto, dai 20 agli 80 euro circa.

“Conosciamo Giampaolo Motta da diversi anni e abbiamo sempre nutrito profonda stima e rispetto per ciò che è riuscito a realizzare finora alla Fattoria La Massa – dichiara Dario Tommasi, presidente della Tommasi Family Estates -. Con questa operazione garantiamo la possibilità di investimenti più consistenti, soprattutto nei vigneti, con nuovi impianti di cloni particolari sui quali Giampaolo Motta ha già effettuato ricerche approfondite”:

La struttura e l’organizzazione commerciale consentirà alla famiglia della Valpolicella di ampliare i mercati di Fattoria La Massa e di esportare i vini e la filosofia della tenuta in tutto il mondo.

La proprietà si estende per 45 ettari, di cui 27 vitati, nella Conca d’Oro di Panzano in Chianti. I vigneti si trovano a un’altitudine media di 360 metri sul livello del mare. Dei 27 ettari di vigneti, coltivati ​​a Sangiovese, Cabernet Sauvignon, Merlot, Alicante Bouschet e Petit Verdot, 18 hanno un’età media compresa tra 25 e 30 anni, mentre gli altri 9 ettari sono stati piantati negli ultimi 5 anni.

Fattoria La Massa nasce nel 1992. Dopo aver ricoperto vari incarichi in Francia e nelle aziende vitivinicole del Chianti Classico, Giampaolo Motta ha voluto trasformare il suo sogno in realtà: trapiantare le tecniche di vinificazione di Bordeaux in Toscana per produrre “vini di classe mondiale”.

I VINI E LA CANTINA
“La Massa” Igt, blend di Sangiovese, Cabernet Sauvignon, Merlot e Alicante esprime pienamente la filosofia e la personalità della tenuta. “Carla 6” è un Sangiovese 100%, mentre “Giorgio Primo” è il fiore all’occhiello dell’azienda, la selezione dei migliori acini.

Anni di analisi del suolo, accompagnati da un’attenta analisi sensoriale delle uve e dei vini, hanno permesso all’azienda di individuare i migliori vigneti per la produzione di “Giorgio Primo”, che rappresenta la massima espressione del terroir locale della Fattoria La Massa.

L’edificio della cantina è stato progettato dallo studio di architetti Mazières (responsabile anche delle cantine di Châteaux Latour, Pétrus e Mouton Rothschild). Copre un’area di circa 2.200 metri quadrati. La struttura è dotata di impianti all’avanguardia, con una disposizione tecnologica razionale e moderna per i processi di vinificazione e maturazione dei vini.

Con la partecipazione in La Massa, il progetto toscano di Tommasi è stato ulteriormente sviluppato. Lo sbarco è avvenuto nel 1997 con Poggio al Tufo a Pitigliano e Scansano nella Maremma toscana. Nel 2015 l’acquisizione a Montalcino del Podere Casisano, dedicato alla produzione esclusiva del Brunello. Con La Massa, la famiglia Tommasi conta oggi circa 200 ettari vitati in Toscana.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Profilo autore

Davide Bortone
Davide Bortoned.bortone@vinialsupermercato.it
Nato con la penna in mano, poi c'è finito pure un calice. Cronista di nera convertito al nettare di Bacco, oggi dirigo #vinialsuper. Segno Vergine allergico alle ingiustizie, innamorato delle "cause perse", vivo l'Informazione come una missione di vita. E anche per questo ci bevo su!

Commenti

commenti