Trentodoc Pas Dosé 2008 Alperegis, Rotari

E’ una delle eccellenti “bollicine” del parco vitivinicolo italiano, sempre più garanzia di qualità tra i vari produttori. Parliamo del Trento Doc 2008 Alperegis di Rotari. All’esame visivo il vino, di coloro giallo oro carico, presenta un perlage costituito da filamenti ben distinti e ordinati, persistenti, e una spuma spessa e compatta. Al naso ecco il tipico sentore di crosta di pane, di buona eleganza, impreziosito da note mielose e mandorlate, nonché da frutti maturi che virano sull’esotico.

Uno spumante, questo Trento Doc di Rotari, che riserva un forte impatto gessoso in entrata della beva. Nonostante gli anni trascorsi conserva una buona freschezza, conferita da note di agrumi e boisé che si mescolano a una percezione aromatica che ricorda il caramello. Al palato anche note di frutta sciroppata, prima di una chiusura pulita e asciutta. Una beva infinita, dalla quale è difficile staccarsi. Perfetto come aperitivo “gourmet”, si abbina alla perfezione ai crudi di pesce.

LA VINIFICAZIONE
Le uve Chardonnay vengono raccolte nella piana Rotaliana a un stadio di maturazione più avanzato rispetto a quelle destinate alla produzione di altri spumanti. Ciò consente di ottenere dei vini base con acidità più controllata, ma ancora fragranti in termini di freschezza aromatica. La fermentazione malolattica totale del vino base riduce ulteriormente l’acidità a vantaggio della morbidezza e della pienezza gustativa. Il Trento Doc 2008 Alperegis Rotai è stato affinato 60 mesi sui lieviti. Scelta importante nella produzione di questo spumante è quella del lievito, privilegiando alcuni ceppi che apportano rotondità al gusto grazie alla cessione di mannoproteine.

Profilo autore

Redazione
Redazioneredazione@vinialsupermercato.it
Vinialsupermercato.it, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Busto Arsizio (VA) dal 07/2017. Scopo: raccontare il vino al supermercato, aiutando i clienti a districarsi tra qualità e prezzo. Senza disdegnare il resto del mondo del vino: quello che non finisce sugli scaffali della Grande distribuzione organizzata (Gdo).

Per questo la redazione di #vinialsuper degusta anche vini destinati alle enoteche e alla ristorazione. E viaggia molto, per raccontare storie di uomini, di vino e di territori. Non può mancare una rubrica di cucina "pop" e una sezione dedicata a birre e distillati. Vinialsupermercato.it è un progetto giornalistico-culturale con un solo nemico: gli "enofighetti". Buona lettura a tutti. Anche a loro

Commenti

commenti