Agricoltura: aperta consultazione pubblica sull’uso dei fitofarmaci


ROMA – “È stato predisposto un nuovo documento quinquennale concernente il Piano di Azione Nazionale (PAN) elaborato dal Consiglio Tecnico Scientifico e condiviso con le Amministrazioni centrali competenti, per l’uso sostenibile dei prodotti fitofarmaci, che andrà a sostituire integralmente quello attualmente in vigore. Sui siti istituzionali dei ministeri delle Politiche Agricole, dell’Ambiente e della Salute, è disponibile la bozza di PAN per consentire a chiunque voglia partecipare come associazioni, portatori di interesse, istituzioni, enti di ricerca, imprese e singoli cittadini, di trasmettere eventuali osservazioni”. Lo dichiara Filippo Gallinella, presidente del MoVimento 5 Stelle in commissione Agricoltura alla Camera.

“Durante la fase di consultazione, che si concluderà il 15 ottobre 2019, potranno essere inviate proposte di integrazione e modifica del testo, utilizzando l’apposito modello disponibile sui siti web dei dicasteri suddetti, che dovrà essere compilato in ogni sua parte. Il nuovo PAN ha la finalità di individuare gli interventi da attuare, al fine di assicurare una maggiore efficacia delle azioni dirette ad un uso sempre più sostenibile dei prodotti fitosanitari”.

“Inoltre – continua Gallinella – un altro elemento saliente è rappresentato dal forte collegamento tra obiettivi da raggiungere e strumenti di politica economica da mettere in campo. L’auspicio è che pervengano più suggerimenti possibili, sia da parte degli attori dei settori interessati, sia dei semplici cittadini, poiché i contributi più pertinenti saranno valutati ai fini della stesura definitiva del nuovo Piano d’Azione Nazionale, che verrà successivamente inviato alla Commissione europea”.

Profilo autore

Redazione
Redazioneredazione@vinialsupermercato.it
Testata giornalistica registrata in Tribunale dal 18 luglio 2017, vinialsupermercato.it nasce come wine blog a metà del 2015. Oggi è una delle realtà più giovani e dinamiche dell'informazione enologica in Italia.

Prende spunto da un'idea dell'ex cronista freelance milanese Davide Bortone e raccoglie oggi diversi collaboratori in Italia. Il portale si propone di raccontare le etichette presenti sugli scaffali della Grande distribuzione, consigliando ai lettori le migliori, soprattutto in un'ottica qualità prezzo. I vini, infatti, vengono valutati da 1 a 5 "cestelli della spesa".

Ma si va oltre, con un'ampia e aggiornatissima sezione di news e inchieste sul mondo del vino italiano, una rubrica sui distillati, una di cucina e una sezione dedicata ai wine tour: i territori del vino da scoprire, anche fuori dai confini italiani. Fondamentale per la testata è il racconto di eventi e manifestazioni enologiche di nicchia, che vanno ben oltre le etichette di vino reperibili al supermercato.

L'obiettivo di #vinialsuper è quello di fornire una panoramica completa del vino italiano ai clienti abituali della Grande distribuzione. Stuzzicando al contempo i buyer delle insegne a un continuo rinnovamento e innalzamento qualitativo dell'assortimento proposto a scaffale. Alzare l'asticella, insomma: da una parte e dall'altra dello scontrino.

Commenti

commenti