Chiaretto, Lugana e Bardolino: l’Anteprima della vendemmia 2015 va in scena a Lazise

Si terrà il 6 e 7 marzo, dalle 10 alle 18 alla Dogana Veneta e Biblioteca civica di Lazise, piccolo borgo di 7 mila anime alle porte di Verona, l’Anteprima dell’annata 2015 dei vini Chiaretto, Lugana e Bardolino. Il Lago di Garda farà da cornice alla degustazione dei prodotti di novanta cantine, per un totale di circa 300 vini. L’iniziativa è firmata dai Consorzi di Tutela del Bardolino e del Lugana, uniti nel proporre agli appassionati, la nuova annata dei loro vini. Un vero e proprio battesimo per il Lugana, mentre Bardolino e Chiaretto tagliano nel 2016 il traguardo dell’ottava edizione. Oltre all’Anteprima dei vini della vendemmia 2015 sono previste una “retrospettiva” dell’annata 2014 e una serie di degustazioni guidate di altri millesimi. Perché non approfittarne, allora, magari concedendosi poi un bagno nelle meravigliose terme di Colà di Lazise?

IL PROGRAMMA
La prima giornata è aperta al pubblico dalle 10 alle 18, la seconda è riservata agli operatori dalle 14 alle 21. “Crediamo nel valore del territorio e in particolar modo di una zona affascinante come quella del nostro lago di Garda – dichiara Franco Cristoforetti, presidente del Consorzio del Bardolino – e dunque abbiamo ritenuto importante presentare congiuntamente le diverse e complementari anime produttive dell’area gardesana”. “Un’iniziativa – aggiunge e Luca Formentini, presidente del Consorzio Lugana – che si candida a diventare una delle maggiori anteprime vinicole nazionali. Ringraziamo il Comune di Lazise per aver condiviso gli obiettivi, divenendo nostro partner in questa nuova avventura”. Le Denominazioni di origine del Lugana e del Bardolino, che ha anche la versione rosé del Chiaretto, sono state tra le prime ad essere istituite in Italia. Il Lugana, che si sviluppa su cinque comuni fra Lombardia e Veneto, è stato riconosciuto nel 1967. La Doc del Bardolino, che interessa sedici comuni del Garda veronese e del suo entroterra, è stata riconosciuta nel 1968. Le due zone confinano lungo la direttrice del fiume Mincio, emissario del lago di Garda. In tutto, si tratta di 4500 ettari di vigneto specializzato, di cui 3000 per il Bardolino e 1500 per il Lugana.

I NUMERI DI BARDOLINO E LUGANA
Oggi il Bardolino è sesto vino per produzione fra le Doc rosse italiane e il Lugana è settimo fra le bianche, mentre il Chiaretto è leader assoluto fra i vini rosati a menzione geografica. Complessivamente, Chiaretto, Lugana e Bardolino totalizzano vendite annue pari a 42 milioni di bottiglie, di cui 17 milioni di Bardolino, 15 di Lugana e 10 di Chiaretto, per un fatturato annuo globale pari a 125 milioni di euro, distribuito in maniera sostanzialmente equivalente fra le due Denominazioni. I vini hanno conosciuto negli ultimi 6 anni un considerevole riposizionamento. Nell’ambito della Doc Bardolino ha ricevuto forte sviluppo la tipologia rosata del Chiaretto, cresciuta da 4,5 a 10 milioni di bottiglie vendute. La Doc Lugana è al centro di una delle più significative performance nazionali sia in termini di volumi – ormai quasi raddoppiati, passando da 8 a 15 milioni di bottiglie – sia come prezzi, saliti del 35%, posizionandosi su una delle quotazioni medie più alte in Italia nel settore dei vini bianchi. Tutti vini che possiamo trovare anche nella grande distribuzione organizzata, con prodotti di qualità che rispecchiano fedelmente il territorio di produzione, alcuni dei quali già degustati e recensite proprio dal nostro wine blog.

Profilo autore

Davide Bortone
Davide Bortoned.bortone@vinialsupermercato.it
Nato con la penna in mano, poi c’è finito pure un calice. Cronista di nera convertito al nettare di Bacco, dirigo Vinialsuper e WineMag.it (testata dedicata al vino Horeca). Segno Vergine allergico alle ingiustizie, innamorato delle cause perse e del blind tasting, vivo l’Informazione come una missione di vita. Anche per questo ci bevo su. Senza guardare l’etichetta.

Commenti

commenti