Franciacorta Docg Cuvée Imperiale Brut, Guido Berlucchi

4 out of 5 stars (4 / 5) Il calice di oggi ci porta in Lombardia. Siamo in Franciacorta, territorio della provincia di Brescia, per la precisione a Borgonato di Corte Franca, ad un’altitudine di 250 m sul livello del mare, dove l’azione mitigatrice del lago d’iseo e le correnti fresche dalla Valle Camonica assicurano alla vigna le condizioni ideali.

Sotto la nostra lente di ingrandimento è il metodo classico per antonomasia: la Cuvée Imperiale Franciacorta Brut.  Un prodotto che da oltre 50 anni è icona dello stile italiano, uno spumante apprezzato da molti consumatori raggiunti  anche grazie ad una distribuzione capillare in gdo.

L’azienda Berlucchi è stata oggetto di una nostra visita, se non avete letto il nostro articolo questo potrebbe essere il momento di farlo, per avere una panoramica più completa dell’azienda.

LA DEGUSTAZIONE
Il Franciacorta Docg Cuvèe Imperiale Brut Berlucchi all’esame visivo si presenta color giallo paglierino brillante, con un perlage fine e persistente dalle bollicine ricche e vivaci. Avvicinando il calice al naso, si percepisce inizialmente un bouquet intenso, ma al contempo raffinato che spazia da aromi di lieviti e crosta di pane, alle note floreali di biancospino e gelsomino accompagnate da note lievi note agrumate legnose e leggermente talcate.

Al palato è secco, ampio, cremoso e pulito con una piacevole nota acidula, nel complesso equilibrato, intenso e abbastanza persistente, fine ed armonico.

La Cuvee imperiale Guido Berlucchi è un vino a tutto pasto, ottimo come aperitivo, in accompagnamento a primi piatti e secondi delicati di pesce e crostacei. Si accosta anche molto bene  a carni bianche e formaggi freschi.

LA VINIFICAZIONE
I vigneti Berlucchi coprono oltre 600 ettari, un quarto della superficie a Denominazione d’origine controllata e garantita ed è da lì che arrivano le uve Chardonnay e Pinot Nero della Cuvee Imperiale. Vigne basse e fitte, per produrre meno e meglio, curate da un team di agronomi cui la tecnologia viene in aiuto: dal progetto Mille1vigna, che individua la vocazione del vigneto, fino alla fertilizzazione mirata, che distribuisce nutrimento solo ove necessario.

I grappoli di Chardonnay e Pinot Nero, vendemmiati in cassette da 20 kg, subiscono la spremitura soffice e progressiva. I mosti frazionati in quattro selezioni in base alla pressione esercitata sull’uva, dopo la decantazione a freddo svolgono la fermentazione alcolica in serbatoi di acciaio inox o in barrique di rovere. Le basi riposano in acciaio o legno, costantemente analizzate, prima dell’assemblaggio per definire la loro migliore destinazione.

A gennaio dell’anno seguente, si seleziona la Cuvée Imperiale, creata unendo 100 diversi lotti. La Cuvée viene imbottigliata con sciroppo di tiraggio a 24 g/l di zuccheri e lieviti selezionati. Resta a contatto dei lieviti per 18 mesi, seguito da altri 2 mesi dopo la sboccatura e la bottiglia è finalmente pronta per l’assaggio.

Prezzo: 11,99 euro
Acquistato presso: Interspar

Profilo autore

Redazione Vinialsuper
Redazione Vinialsuperredazione@vinialsupermercato.it
Testata registrata in Tribunale dal 18 luglio 2017, vinialsupermercato.it è stata fondata a metà del 2015. Oggi è una delle realtà più giovani e dinamiche dell'informazione enologica in Italia, che ogni anno edita una guida ai migliori vini in vendita al supermercato.

Fa parte del network WineMag Editore che comprende anche WineMag.it, testata incentrata invece sulle news del mondo del vino Horeca.

Vinialsuper e WineMag.it prendono spunto da un'idea dell'ex cronista freelance milanese Davide Bortone e raccoglie oggi diversi collaboratori in Italia. Un “giornale del vino al supermercato” che si propone di raccontare le etichette presenti sugli scaffali della Grande distribuzione, consigliando ai lettori le migliori, soprattutto in un'ottica qualità prezzo.

I vini, infatti, vengono valutati da 1 a 5 "cestelli della spesa". L'obiettivo di Vinialsuper è quello di fornire una panoramica completa del vino italiano ai clienti abituali della Grande distribuzione. Stuzzicando al contempo i buyer delle insegne a un continuo rinnovamento e innalzamento qualitativo dell'assortimento proposto a scaffale. Alzare l'asticella, insomma: da una parte e dall'altra dello scontrino.

N. Reg. Stampa 2252/2017 - Busto Arsizio. Direttore Davide Bortone (El. Speciale Odg Milano - 3553/17). Tutti i diritti riservati WineMag Editore - P.I. 10487810961. redazione@vinialsupermercato.it

Leave a Reply