Gravner “chef” in vigna: coltello speciale per gli innesti nel vigneto Dedno

DEDNO (SLOVENIA) – Un coltello speciale, studiato per Gravner da uno dei più grandi artigiani del ferro italiani, Michele Massaro. Così, l’enofilosofo Josko diventa “chef in vigna”.

Si è partiti da un prototipo che verrà rifinito e perfezionato in base alle esigenze di lavoro del noto produttore di Oslavia. Teatro di questo esperimento nell’esperimento è il vigneto di Dedno, che Gravner sta preparando da 18 anni.

Le piante, scelte tramite selezione massale, saranno innestate a maiorchina con gemma dormiente. Una tecnica che sarà favorita dall’utilizzo dello speciale coltello di Michele Massaro, ex geometra che ha contribuito alla rinascita dell’Antica Forgia Lenarduzzi a Maniago (PN).

I pezzi unici di Massaro si trovano già nelle cucine di grandi chef come Crippa a Parini, i fratelli Costardi e Cuttaia. Un’arte che riassume sapere tradizionale e nuove tecniche imparate in Oriente, soprattutto in Giappone.

Quella con Gravner è una vera e propria svolta per l’artigiano del ferro friulano. Ed una novità assoluta anche per Josko, che si conferma viticoltore all’avanguardia nella sperimentazione biodinamica.

IL VIGNETO DI DEDNO
Le 5.500 viti di Ribolla del vigneto di Dedno piantate nel 2017 si sono adattate al terreno. Le radici sono sufficientemente sviluppate. Altre 3.500 piante sono state messe a dimora quest’anno. Ma il progetto inizia nel 1996, quando Gravner riesce ad acquistare una grande superficie, vicina a quella storica – di dimensioni più modeste – di proprietà della famiglia.

Un appezzamento di 8 ettari complessivi. Qui vengono piantate le prime viti di Ribolla, nel 2010. Oltre alle vigne fanno parte del progetto anche molte piante da frutto e ornamentali e diversi stagni, che vanno a realizzare un piccolo ecosistema in equilibrio.

La complessità vegetativa e la forte pendenza dei terreni, spesso difficili da lavorare con l’aiuto di macchine, ha reso ancor più lunghi i tempi di preparazione. Il coltello studiato da Michele Massaro non può che essere un alleato. L’asso nella manica – anzi in mano – a Josko Gravner.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Profilo autore

Davide Bortone
Davide Bortoned.bortone@vinialsupermercato.it
Nato con la penna in mano, poi c’è finito pure un calice. Cronista di nera convertito al nettare di Bacco, dirigo Vinialsuper e WineMag.it (testata dedicata al vino Horeca). Segno Vergine allergico alle ingiustizie, innamorato delle cause perse e del blind tasting, vivo l’Informazione come una missione di vita. Anche per questo ci bevo su. Senza guardare l’etichetta.

Commenti

commenti