Negroamaro di Terra d’Otranto Dop 2015, Notte Rossa

4 out of 5 stars (4 / 5) Fa parte della “Selezione Dop” della linea Notte Rossa il Negroamaro di Terra d’Otranto 2015 oggi sotto la lente di ingrandimento di Vinialsuper. Un altro rosso dall’ottimo rapporto qualità prezzo che rappresenta bene la Puglia del vino di qualità al supermercato, peraltro a buon prezzo.

LA DEGUSTAZIONE
Il vino si presenta nel calice di un rosso rubino brillante, poco trasparente. Al naso evidenti richiami floreali freschi, che ben si uniscono a quelli di frutti di bosco, appena maturi. Completano il quadro olfattivo degli sbuffi di spezia scura e delicate venature minerali, oltre a qualche richiamo erbaceo.

In bocca, il Negroamaro di Terra d’Otranto Dop 2015 è giocato sul frutto e sulla freschezza, in linea col resto della produzione Notte Rossa. Ottima la corrispondenza gusto-olfattiva, con sentori di frutti di bosco che dominano il sorso.

In chiusura la consueta vena salina che, assieme a un tannino integrato, invoglia al sorso successivo. Integratissimi i 14 gradi di percentuale d’alcol in volume, per nulla fastidiosi o avvertibili.

Un vino che, a quattro anni dalla vendemmia, rivela ancora buone prospettive di miglioramento in bottiglia. Perfetto, questo Negroamaro, per accompagnare primi piatti anche ben strutturati, oltre a carni rosse, selvaggina e formaggi stagionati come il pecorino. La temperatura corretta di servizio non deve superare i 18 gradi.

LA VINIFICAZIONE
Terra d’Otranto significa oggi innanzitutto Salento. Un tempo, con questo nome si identificava un’intera provincia, oggi spartita tra le città di Lecce, Gallipoli, di Brindisi e di Taranto. E non è certo un caso se il Negroamaro di Terra d’Otranto Notte Rossa parla di sole e di mare.

I suoli in cui affondano le radici le viti sono costituiti da terre rosse residuali ricche di ossidi di ferro, a tessitura fine e generalmente con substrato calcareo e radi affioramenti rocciosi. Quattromila piante per ettaro, la densità d’impianto. L’ambiente è piuttosto caldo, con piovosità annua molto bassa ed escursioni termiche molto elevate.

La vendemmia avviene solitamente nel corso dell’ultima settimana di settembre. La vinificazione prevede una macerazione sull’80% della massa, per la durata di 25 giorni sul 20% con lieviti indigeni selezionati in vigna.

La fermentazione avviene a temperatura controllata, tra i 24-26 gradi centigradi. L’affinamento avviene in barrique di rovere francese per 6 mesi: un intervento che armonizza il corredo, più che condizionarlo con i terziari del legno.

Prezzo: 6,90 euro
Acquistabile presso: Famila, Conad, Auchan, Italmark, Despar, Sigma, Coop, Ipercoop, Decò

Profilo autore

Redazione
Redazioneredazione@vinialsupermercato.it
Testata giornalistica registrata in Tribunale dal 18 luglio 2017, vinialsupermercato.it nasce come wine blog a metà del 2015. Oggi è una delle realtà più giovani e dinamiche dell'informazione enologica in Italia.

Prende spunto da un'idea dell'ex cronista freelance milanese Davide Bortone e raccoglie oggi diversi collaboratori in Italia. Il portale si propone di raccontare le etichette presenti sugli scaffali della Grande distribuzione, consigliando ai lettori le migliori, soprattutto in un'ottica qualità prezzo. I vini, infatti, vengono valutati da 1 a 5 "cestelli della spesa".

Ma si va oltre, con un'ampia e aggiornatissima sezione di news e inchieste sul mondo del vino italiano, una rubrica sui distillati, una di cucina e una sezione dedicata ai wine tour: i territori del vino da scoprire, anche fuori dai confini italiani. Fondamentale per la testata è il racconto di eventi e manifestazioni enologiche di nicchia, che vanno ben oltre le etichette di vino reperibili al supermercato.

L'obiettivo di #vinialsuper è quello di fornire una panoramica completa del vino italiano ai clienti abituali della Grande distribuzione. Stuzzicando al contempo i buyer delle insegne a un continuo rinnovamento e innalzamento qualitativo dell'assortimento proposto a scaffale. Alzare l'asticella, insomma: da una parte e dall'altra dello scontrino.

Media voto utenti

4.5/5 (2)

Hai assaggiato questo vino? Dagli un voto

Commenti

commenti