Negroamaro Rosato Salento Igp 2018, Notte Rossa

4.5 out of 5 stars (4,5 / 5) Un rosato “ciliegina”. Non tanto per il colore. Piuttosto perché completa una linea di vini dall’ottimo rapporto qualità prezzo. Parliamo del Negroamaro Rosato Salento Igp 2018 Notte Rossa, in vendita in gran parte dei supermercati italiani.

Prosegue così il “racconto” di Vinialsuper di una delle gamme di vini del Sud Italia più presenti nella Grande distribuzione organizzata. Notte Rossa, insomma, non sbaglia un colpo: neppure nella tipologia “rosato”, spesso bistrattata, ma meritevole di grande attenzione da parte dei consumatori.

LA DEGUSTAZIONE
Colore molto tipico per il Negroamaro rosato Notte Rossa, che non rinuncia a raccontare la “verità dell’uva”, al di là delle mode che vorrebbero i rosè cromaticamente più scarichi, nel nome dei canoni provenzali. Un cerasuolo carico, dunque. Limpido e brillante.

Anche il naso è intenso. Il corredo è di frutta rossa (melograno, fragolina e ribes, oltre all’arancia sanguinella), impreziosita da una bella vena minerale, marina. Non manca un tocco d’anice: una nota fresca, che ben si addice alle sfumature fruttate e saline.

Con l’ossigenazione, specie quando il vino si scalda un po’, emerge leggera la macchia mediterranea, con rosmarino e salvia in primo piano. Un vino, il Negroamaro Rosato Notte Rossa 2018, che non si scompone neppure a temperature più elevate rispetto a quella di servizio (circa 10-14 gradi).

Nel complesso, al palato, buona acidità e freschezza, caratteristica fondamentale per un rosè. Nonché ottima corrispondenza gusto-olfattiva, con precisi ritorni di frutta a bacca rossa.

In cucina è un prodotto versatile. Perfetto a tutto pasto, accompagna bene antipasti all’italiana, zuppe di pesce e brodetti, nonché pesce al cartoccio o al forno, formaggi giovani o poco stagionati. Da provare con un carpaccio di tonno all’arancia o una vellutata di ceci con gamberetti freschi.

LA VINIFICAZIONE
Densità d’impianto di 4.500 viti per ettaro per il vigneto del Salento destinato al rosato Notte Rossa. Siamo ovviamente in Puglia, a circa 100 metri sul livello del mare. Un’area caratterizzata da temperature elevate e piovosità medio-bassa.

Il terreno è a medio impasto argilloso, poco profondo e con buona presenza di scheletro. Le uve di Negroamaro, qui, sono mature a metà settembre. La vinificazione prevede una macerazione di qualche ora e la svinatura parziale del mosto. Seguono fermentazione in bianco e affinamento in acciaio.

Prezzo: 5,30 euro
Acquistabile presso: Tigros, Basko, Poli Supermercati, Iperal, Coop, Famila, A&O, Iper la grande i, Sigma, Despar, Futura, Conad

Profilo autore

Redazione
Redazioneredazione@vinialsupermercato.it
Testata giornalistica registrata in Tribunale dal 18 luglio 2017, vinialsupermercato.it nasce come wine blog a metà del 2015. Oggi è una delle realtà più giovani e dinamiche dell'informazione enologica in Italia.

Prende spunto da un'idea dell'ex cronista freelance milanese Davide Bortone e raccoglie oggi diversi collaboratori in Italia. Il portale si propone di raccontare le etichette presenti sugli scaffali della Grande distribuzione, consigliando ai lettori le migliori, soprattutto in un'ottica qualità prezzo. I vini, infatti, vengono valutati da 1 a 5 "cestelli della spesa".

Ma si va oltre, con un'ampia e aggiornatissima sezione di news e inchieste sul mondo del vino italiano, una rubrica sui distillati, una di cucina e una sezione dedicata ai wine tour: i territori del vino da scoprire, anche fuori dai confini italiani. Fondamentale per la testata è il racconto di eventi e manifestazioni enologiche di nicchia, che vanno ben oltre le etichette di vino reperibili al supermercato.

L'obiettivo di #vinialsuper è quello di fornire una panoramica completa del vino italiano ai clienti abituali della Grande distribuzione. Stuzzicando al contempo i buyer delle insegne a un continuo rinnovamento e innalzamento qualitativo dell'assortimento proposto a scaffale. Alzare l'asticella, insomma: da una parte e dall'altra dello scontrino.

Commenti

commenti