Ornellaia: con l’asta delle bottiglie speciali firmate da Shirin Neshat raccolti 312.000$

VENEZIA – Ieri, 14 settembre 2019, presso la sede della Collezione Peggy Guggenheim nello scenografico Palazzo Venier dei Leoni, si è tenuta la cerimonia che ha sancito la conclusione dell’asta online di Ornellaia Vendemmia d’Artista 2016, “La Tensione“, ospitata da Sotheby’s.

L’iniziativa nasce in collaborazione con la Fondazione Solomon R. Guggenheim ed ha permesso di raccogliere 312.000 $ il cui il profitto sarà interamente destinato al programma “Mind’s Eye“. Il programma “Mind’s Eye”, creato dal dipartimento di educazione del Guggenheim, aiuta le persone non vedenti o ipovedenti a sperimentare l’arte attraverso l’utilizzo di tutti i sensi.

Questo favorisce lo sviluppo di impressioni creative, connessioni emotive e ricordi, la cui percezione dura nel tempo. Come nell’arte, anche l’apprezzamento dei grandi vini richiede il coinvolgimento di tutti i sensi. Proprio la condivisione di questa idea ha indotto Ornellaia a sostenere la crescita di questo particolare programma.

Le donazioni raccolte attraverso Ornellaia Vendemmia d’Artista consentono alla Fondazione Solomon R. Guggenheim di sviluppare ulteriormente le attività del programma “Mind’s Eye” con l’obiettivo di diffondere il modello in altre istituzioni per l’arte facendo sì che la sua eccellenza continui a guidare la programmazione museale a favore delle persone non vedenti o ipovedenti in tutto il mondo.

Nel corso della cerimonia conclusiva dell’asta che ha permesso di aggiudicarsi le preziose 9 Imperiali da 6 litri e l’unica Salmanazar da 9 litri di Ornellaia Vendemmia d’Artista 2016, realizzate dall’artista di fama internazionale Shirin Neshat.

L’apprezzamento dei grandi vini, così come la fruizione dell’arte, richiede il coinvolgimento di tutti i sensi, ed ecco perché abbiamo pensato di dare supporto ad un progetto di grande valore come ‘Mind’s Eye’. In questo modo è possibile aiutare adulti con disabilità a sperimentare l’arte tramite attività che attraverso l’utilizzo dei sensi forniscono un modello di accesso all’arte attuabile in tutto il mondo e un’eredità per le generazioni future” ha dichiarato soddisfatto il CEO di Ornellaia Giovanni Geddes da Filicaia

Parole condivise da Richard Armstrong, Direttore del Solomon R. Guggenheim Museum and Foundation, che ha aggiunto: “La missione fondante del Guggenheim è stata quella di raccogliere ed esporre arte che non fosse semplicemente moderna, non solo nuova, ma rivoluzionaria. Grazie a Ornellaia, possiamo coinvolgere in questa missione un pubblico ancora più ampio”.

La Tensione è il carattere individuato per definire il vino nato dalla vendemmia 2016, una vendemmia di grande successo che secondo il Direttore di Ornellaia, Axel Heinz:

evidenzia tutte le virtù del clima di Bolgheri: sole abbondante, caldo non eccessivo, un’estate secca che consente all’uva di raggiungere un perfetto livello di maturazione, concentrazione e pioggia sufficiente ad evitare lo stress idrico. Tutti questi elementi combinati ci permettono di ottenere un vino perfettamente maturo e opulento, fermo e intenso; forze opposte creano un senso di profondo vigore che amiamo definire ‘tensione’.”

Sono queste le note sulle quali ha lavorato Shirin Neshat per dare la sua lettura de La Tensione. L’artista si è ispirata al poeta persiano Omar Khayyām, cui si deve l’affermazione che il vino debba essere “goduto durante il nostro breve periodo sulla terra”.

Il tema del convivio è declinato attraverso elementi della cultura mediorientale come volti femminili, mani e corpi decorati con la calligrafia persiana e decorazioni henné in continuità con la poetica dell’artista.

ORNELLAIA VENDEMMIA D’ARTISTA
Il progetto Ornellaia Vendemmia d’Artista celebra il carattere esclusivo di ogni nuova annata di Ornellaia. Ogni anno, a partire dall’uscita di Ornellaia 2006, avvenuta a maggio 2009, un artista contemporaneo firma un’opera d’arte e una serie di etichette in edizione limitata, traendo ispirazione da una parola scelta dall’enologo che descrive il carattere della nuova annata.

Il progetto prevede che in ogni cassa di Ornellaia una delle 6 bottiglie (da 750 ml) abbia l’etichetta creata dall’artista. Esattamente come negli anni precedenti, il progetto include un’edizione limitata di 111 bottiglie grande formato (100 Doppio Magnum da 3 Litri, 10 Imperiali da 6 Litri e 1 Salmanazar da 9 Litri) numerate e firmate personalmente dall’artista.

Ogni anno una selezione di queste bottiglie con etichette esclusive progettate e firmate personalmente dall’artista ed estremamente ricercate da collezionisti di arte e vino, vengono battute in aste Sotheby’s, sia benefiche sia commerciali, il cui ricavato è devoluto a fondazioni d’arte di tutto il mondo. Da Ornellaia 2006 ad oggi è stato devoluto un totale di oltre due milioni di Dollari tra il Whitney Museum di New York, il Museo Poldi Pezzoli di Milano, la Neue Nationalgalerie di Berlino, la H2 Foundation di Hong Kong e Shanghai, la Royal Opera House di Londra, l’AGO Art Gallery of Ontario di Toronto, la Fondation Beyeler di Basilea, l’Hammer museum di Los Angeles e il Solomon R. Guggenheim di New York.

Profilo autore

Redazione Vinialsuper
Redazione Vinialsuperredazione@vinialsupermercato.it
Testata giornalistica registrata in Tribunale dal 18 luglio 2017, vinialsupermercato.it è stata fondata a metà del 2015. Oggi è una delle realtà più giovani e dinamiche dell'informazione enologica in Italia.

Fa parte del network WineMag Editore che comprende anche WineMag.it, testata giornalistica incentrata invece sulle news del mondo del vino Horeca.

Vinialsuper e WineMag.it prendono spunto da un'idea dell'ex cronista freelance milanese Davide Bortone e raccoglie oggi diversi collaboratori in Italia. Un “giornale del vino al supermercato” che si propone di raccontare le etichette presenti sugli scaffali della Grande distribuzione, consigliando ai lettori le migliori, soprattutto in un'ottica qualità prezzo.

I vini, infatti, vengono valutati da 1 a 5 "cestelli della spesa". L'obiettivo di Vinialsuper è quello di fornire una panoramica completa del vino italiano ai clienti abituali della Grande distribuzione. Stuzzicando al contempo i buyer delle insegne a un continuo rinnovamento e innalzamento qualitativo dell'assortimento proposto a scaffale. Alzare l'asticella, insomma: da una parte e dall'altra dello scontrino.

N. Reg. Stampa 2252/2017 - Busto Arsizio. Direttore responsabile Davide Bortone (El. Speciale Odg Milano - 3553/17). Tutti i diritti riservati WineMag Editore - P.I. 10487810961. redazione@winemag.it

Commenti

commenti