Prezzemolo & Vitale: dai supermercati di qualità a Palermo alle botteghe di Londra


LONDRA –
Un po’ bottega, un po’ supermercato. Questa la formula del successo di Giusi Vitale e Giuseppe Prezzemolo, la coppia che da oltre trent’anni firma la spesa di qualità a Palermo. Sette, in totale, i punti vendita Prezzemolo & Vitale. Uno già aperto a Londra e altri due in arrivo questa estate nella capitale inglese.

Una storia di famiglia che punta ad unire la comodità di un supermercato ad una selezione del prodotto attenta e curata, tipica delle gastronomie gourmet e delle botteghe di una volta, i prezzi democratici e gli innovativi servizi sviluppati nei diversi punti vendita ne hanno decretato il successo negli anni.

Un’offerta equilibrata e distintiva costruita da Giuseppe e Giusi guardando al lavoro svolto in passato nelle rispettive famiglie. Lei figlia d’arte, il padre negli anni settanta ha aperto uno dei primi supermercati in città, lui cresciuto tra i grandi formaggi italiani e i tesori gastronomici del territorio nella piccola bottega di famiglia.

Oggi, Giusi e Giuseppe, coppia nella vita e sul lavoro, mettendo insieme quelle esperienze, gestiscono oltre 150 dipendenti e un’azienda con un fatturato di oltre 35 milioni di euro, che punta alla conquista del mercato inglese con altre due inaugurazioni a Londra.

LE NUOVE APERTURE LONDINESI

I due punti vendita in apertura questa estate a Notting Hill e Borough Market vogliono replicare il successo del primo store inglese aperta da Prezzemolo & Vitale un anno e mezzo fa a Chelsea. “Sono due quartieri molto vivi e dinamici – spiega Giusi Vitale – li ho frequentati spesso e ho sempre pensato che fossero perfetti per ospitare il nostro concetto di bottega italiana”.

“A Londra è stato in un certo senso più facile trovare la nostra nicchia di mercato, perché c’è molta attenzione al prodotto italiano e poca concorrenza di qualità. I nostri clienti inglesi impazziscono per il nostro banco di salumi e formaggi e per le proposte di gastronomia come secondi o contorni pronti da portare a casa o consumare all’interno de punto vendita. Prodotti come i capperi, o un buon panino o addirittura le angurie, che noi diamo per scontati, in Inghilterra diventano un piccolo tesoro”.

Anche a Londra Prezzemolo & Vitale continua a coltivare il rapporto con i propri fornitori diretti, la quasi totalità dei prodotti arriva direttamente dall’Italia e soprattutto dalla Sicilia, e rappresenta un valido esempio imprenditoriale di come il mondo dell’artigianalità gastronomica possa convivere con l’esportazione estera.

Giusi e Giuseppe, hanno scelto di occuparsi personalmente dell’intera filiera: dalla selezione, alla distribuzione e poi l’esportazione e la promozione estera. Questo fa dell’insegna P&V un’ambasciatrice delle eccellenze siciliane a Londra.

I due punti vendita sono in fase di allestimento e l’apertura è prevista per l’estate. Gli interni sono curati da T-Studio e la realizzazione degli arredi è affidata a mobilieri italiani. Un ambiente caldo e informale, dove a fare da protagonista sarà il legno e la matericità di mattoni e architetture nude, l’obiettivo è quello di ricreare uno scenario quasi domestico, che ricordi le botteghe di una volta ma guardi anche alla contemporaneità.

“Ci piace viziare i nostri clienti, cerchiamo di accontentarli in tutti i modi – racconta Giusi Vitale – negli anni ci siamo accorti che per loro era fondamentale avere un rapporto diretto con i nostri dipendenti, che sono formati per consigliare sempre il prodotto giusto, oppure trovare nel nostro punto vendita quelle eccellenze presenti in città ma un po’ scomode da raggiungere. Vogliamo pensare che ci siano piccoli prodotti quotidiani che possono cambiare il gusto di una giornata”.

LA FAMIGLIA

Oggi Prezzemolo e Vitale conta sette supermercati a Palermo, uno aperto a Londra un anno e mezzo fa e altri due in arrivo per l’estate nella capitale inglese, il fatturato è di oltre 35 milioni di euro. Un successo impossibile da realizzare senza la forza della famiglia.

I tre figli di Giusi e Giuseppe sono presenti in azienda, e ognuno porta il suo contributo seguendo le proprie inclinazioni e gli studi svolti. Salvatore si occupa della parte più gestionale, sfruttando gli studi di amministrazione aziendale.

Il più giovane, Vincenzo, gestisce la parte relativa alla comunicazione e al marketing e studia Economia, mentre Josè da poco ritornata in azienda dopo la nascita del suo primo figlio, raccoglie l’eredità degli studi in Psicologia per gestire le risorse umane e il personale. Una bella storia di impresa familiare che non smette di essere ambiziosa e guardare al futuro.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Profilo autore

Redazione Vinialsuper
Redazione Vinialsuperredazione@vinialsupermercato.it
Testata giornalistica registrata in Tribunale dal 18 luglio 2017, vinialsupermercato.it è stata fondata a metà del 2015. Oggi è una delle realtà più giovani e dinamiche dell'informazione enologica in Italia.

Fa parte del network WineMag Editore che comprende anche WineMag.it, testata giornalistica incentrata invece sulle news del mondo del vino Horeca.

Vinialsuper e WineMag.it prendono spunto da un'idea dell'ex cronista freelance milanese Davide Bortone e raccoglie oggi diversi collaboratori in Italia. Un “giornale del vino al supermercato” che si propone di raccontare le etichette presenti sugli scaffali della Grande distribuzione, consigliando ai lettori le migliori, soprattutto in un'ottica qualità prezzo.

I vini, infatti, vengono valutati da 1 a 5 "cestelli della spesa". L'obiettivo di Vinialsuper è quello di fornire una panoramica completa del vino italiano ai clienti abituali della Grande distribuzione. Stuzzicando al contempo i buyer delle insegne a un continuo rinnovamento e innalzamento qualitativo dell'assortimento proposto a scaffale. Alzare l'asticella, insomma: da una parte e dall'altra dello scontrino.

N. Reg. Stampa 2252/2017 - Busto Arsizio. Direttore responsabile Davide Bortone (El. Speciale Odg Milano - 3553/17). Tutti i diritti riservati WineMag Editore - P.I. 10487810961. redazione@winemag.it

Commenti

commenti