Prezzi Greco di Tufo e Fiano di Avellino al supermercato: il Consorzio Vini Irpinia si difende

“Ho letto dai social una serie di reazioni alla notizia che una catena di distribuzione ha esposto a scaffale bottiglie di Greco di Tufo e Fiano di Avellino a prezzi del tutto inadeguati. Tali reazioni, pur condivisibili nel merito, non possono tuttavia essere rivolte, com’è accaduto nel caso di specie, contro il Consorzio di Tutela dei Vini d’Irpinia”.

Così il presidente dell’ente che tutela le due denominazioni della Campania, Stefano di Marzo, in seguito alle polemiche legate ai prezzi dei vini in un’insegna di supermercati. “Simili prese di posizione – sottolinea – denotano scarsa conoscenza delle prerogative di un consorzio di tutela”.

“Esso non può svolgere attività di controllo sui prezzi che singole aziende, di produzione o di distribuzione, decidono di praticare. Il Consorzio può effettuare altro genere di verifiche di correttezza e rispondenza dell’operato dei fruitori della denominazione ai dettami della legge e del disciplinare di produzione, e ovviamente su questo fronte esso è attivo e continuerà a svolgere, anche in questo caso, il suo ruolo di vigilanza, a tutela del buon nome delle denominazioni tutelate”.

Il presidente del Consorzio di Tutela Vini d’Irpinia aggiunge: “Sta a produttori e distributori, nell’ambito della propria autonomia di iniziativa economica, porre in essere comportamenti responsabili e consapevoli anche nella determinazione dei prezzi di vendita, in modo da non recare pregiudizio alla Denominazione di origine e all’intera filiera, che opera quotidianamente, avvalendosi anche del ruolo del Consorzio di Tutela, per far crescere il valore e la percezione qualitativa dei vini di propria produzione”.

Profilo autore

Davide Bortone
Nato con la penna in mano, poi c’è finito pure un calice. Cronista di nera convertito al nettare di Bacco, nel mondo dell’informazione da oltre 15 anni, tra carta stampata e online, dirigo oggi Vinialsuper.it e WineMag.it. Segno Vergine allergico alle ingiustizie, innamorato delle cause perse e del blind tasting, vivo questo mestiere come una missione per conto del lettore. Edito con cadenza annuale la “Guida Migliori Vini al Supermercato" e la "Guida Top 100 Migliori vini italiani" Horeca di WineMag.it, in collaborazione con la redazione, e partecipo come giurato a concorsi enologici internazionali. Nell’ultimo anno ho curato la selezione vini esteri per un importatore leader in Italia. Apprezzi indipendenza e qualità dell’informazione? Sostieni il network Vinialsupermercato.it - WineMag.it con un euro al mese